Sign in to your FairAdvisor account

Not a FairAdvisor member

Join us

Forgot?

Save time

Forgot your password?

We will send you an e-mail to reset it

Back
Close it

Salone del Mobile, a Shanghai la qualità del design e del progetto made in Italy

Presentata a Pechino la quarta edizione della manifestazione che si terrà dal 20 al 22 novembre allo Shanghai Exhibition Center. Già 125 i top brand italiani che esporranno. Claudio Luti: "Coinvolte le aziende che rappresentare al meglio i contenuti di innovazione e ricerca oltre a interlocutori, visitatori e buyer di alto profilo". Emanuele Orsini: "I nostri prodotti sono entrati definitivamente nell’immaginario collettivo del consumatore cinese di fascia medio-alta"

Il design italiano, l’arredamento di eccellenza, torna in Cina per la quarta edizione del Salone del Mobile.Milano Shanghai che si terrà dal 20 al 22 novembre nella scenografica sede del Sec - Shanghai Exhibition Center nel cuore della capitale economica cinese.

Edizione che è stata presentata in anteprima all’Ambasciata d’Italia a Pechino e - a oggi - vede la partecipazione di 125 espositori che, su 7.979,50 mq netti di superficie, proporanno ai visitatori professionali un viaggio nella bellezza, nell’originalità e nell’eleganza del prodotto e del design made in Italy ha le sue radici nel Salone di Milano.

“Il Salone del Mobile si prepara a tornare a Shanghai con l’intenzione di dare seguito alla strategia di internazionalizzazione incentrata sulla qualità della proposta espositiva e delle relazioni - sottolinea Claudio Luti, presidente del Salone del Mobile -. Abbiamo lavorato sul coinvolgimento dei brand capaci di rappresentare al meglio i contenuti di innovazione e ricerca sottesi alla nostra produzione e, soprattutto, sulla individuazione di interlocutori, visitatori e buyer di alto profilo, in grado di capire i valori intrinseci di una visione che va oltre il prodotto e suggerisce uno stile di vita. Gli spazi del Sec, sede storica, bella e rappresentativa, sanno valorizzare al meglio i nostri progetti”.

Dopo il successo delle prime tre edizioni, gli organizzatori del Salone – Fla China e il partner cinese Vnu Exhibition Asia – puntano ancora una volta sulla qualità del pubblico atteso al Sec. Nel 2018, i visitatori provenivano dalle regioni di prima fascia della Cina – Shanghai, Beijing e Guangdong – e da quelle in forte crescita – come Sichuan, Fujian, Shandong, Henan, Shaanxi e Hubei – offrendo, così, concrete opportunità di business agli espositori e una straordinaria piattaforma per ampliare la loro visibilità e il loro successo sul mercato più grande e più in crescita del mondo. Interesse sempre più forte confermato dai numeri: più di 22.500 visitatori di altissimo a Shanghai e oltre 34.000 visitatori professionali al Salone di Milano 2018, dove la Cina è il Paese estero più rappresentato.

“La capacità dell’arredamento made in Italy di unire qualità artigianale alle più moderne tecnologie e agli aspetti ambientali, probabilmente è l’aspetto che ci ha consentito di guadagnare nuove quote export in tutto il mondo. La Cina non fa eccezione, con un tasso di crescita che dal 2009 al 2018 ha sfiorato il +500%: i nostri arredi, lampade e complementi sono entrati definitivamente nell’immaginario collettivo del consumatore cinese di fascia medio-alta - aggiunge Emanuele Orsini, presidente di Federlegno Arredo Eventi -.

2019-07-18 Source: IlGiornale.it

By continuing to use this site you consent to the use of cookies on your device as described in our Statement on Cookies unless you have disabled them. You can change your Cookie settings at any time but parts of our site will not function correctly without them.     [OK]